Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Martedì 2 ottobre è stato ospite del club Ercole Spada, uno dei più grandi designer automobilisti italiani.

Ercole ci ha deliziato con una piacevolissima presentazione - corredata di tantissime immagini - della sua lunga carriera. Carriera che ha sempre definito "vissuta dall'interno", ovvero vivendo quanto più possibile a fianco di chi avrebbe poi guidato le sue creature.

Appassionato fin da bambino di motori inizia la sua carriera nel 1960 presso la famosa carrozzeria Zagato di Milano, a cui si rivolgono molti gentleman drivers dell'epoca per carrozzare le loro vetture da competizione.

Dovendo fare affidamento su motore di cubatura e potenza inferiore rispetto agli avversari, alla Zagato si specializzarono in una disciplina ancora molto sottovalutata per l'epoca: l'aerodinamica.

Dopo molti test effettuati sia in galleria del vento che su strada trovarono l'intuizione geniale che sarà la firma di Ercole e della Zagato per gli anni a venire: la coda tronca.

Questo farà nascere alcuni modelli leggendari come la Giulia TZ1 e TZ2.

Finita l'esperienza in Zagato, Ercole si trasferì in Germania dove - dopo una breve parentesi alla Ford e all'Audi - approderà alla BMW.

Lascerà il segno anche nella casa bavarese, portando alla creazione delle BMW serie 7 E32 e serie 5 E34

Successivamente tornerà in Italia alla I.D.E.A. institute, dando ancora una volta prova delle sue capacità.

Attualmente dirige - assieme al figlio Paolo - la Spadaconcept, centro stile e ricerca della casa SVS - Spada Vetture Sport.

L'intervento, ricco anche di aneddoti personali, è stato apprezzato da tutti i presenti, piacevolmente sorpresi dall'aver potuto conoscere un'aspetto poco noto della storia dell'automobilismo. 

Riunioni

Il martedì alle ore 20.00

Prossime riunioni